Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
ERA DAVVERO UNA SPADA DI HATTORI HANZO
ARTS

Appunti per una storia di guerra



“Quanto ti devono scoppiare vicino le bombe, per farti dire che una guerra è tua?”

Questo è il quesito attorno alla quale ruota uno dei romanzi a fumetti più belli usciti negli ultimi anni, edito da Rizzoli nel 2006 e firmato da un talento nostrano.

Stiamo parlando di “Appunti per una storia di guerra” di Gipi.

Il romanzo ha tre protagonisti: Stefano, soprannominato il Killerino, Christian il più ingenuo del gruppo e Giuliano, il più debole di carattere e soprattutto l’unico dei tre a provenire da una famiglia benestante e dunque ritenuto “diverso” dagli altri due.

La storia si svolge in una provincia immaginaria dove tutti i paesi iniziano per “San” e dove i tre ragazzi vivono al limite di un conflitto. La loro esistenza verrà in parte sconvolta dall’incontro con Felix, un mercenario.

Questo è chiaramente solo un assaggio del racconto che via via andrà a crescere e ad evolversi diventando la cronaca del viaggio che i tre ragazzi andranno a compiere, il tutto supportato da dialoghi, freschi, reali e mai scontati.

L’intercalare diventa un’arma, le parole tronche evidenziano la psicologia dei personaggi, i suoni onomatopeici che si avvertono nei fondali danno vita alla tavola; le auto, le sigarette, le persone non sono sagomine che abbelliscono le scene, ma anzi, sono tasselli che le costruiscono.

Gli acquerelli creano le ambientazioni: la provincia povera, i cieli scuri, le strade sterrate; i tre ragazzi che ci vivono vengono rappresentati come se fossero un ritratto ben preciso di esseri non ancora infangati dai consumi, sono i volti di un’esistenza proletaria che vive la provincia staccandosi completamente dai grandi centri anonimi che bene o male conosceranno.

Un grande e vitale affresco simbolo perfetto di quei luoghi dimenticati, che sia la piccola provincia dietro casa nostra o nel cuore dell’Europa, dove i perdenti sono gli eroi cui non è concesso vincere.