Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
ENTRA IN UN CAFFÈ, SPLASH!
VARIE

Il mondo è fatto di scale



Immagine

c’è chi scende e c’è chi sale, c’è chi vince e c’è chi perde, c’è chi diventa sempre più ricco e chi sempre più povero, ma di storielle così ce ne sono a milioni difficile scriverle tutte, ve ne lascio solo un altra….

Sprint di Mediaset a Piazza Affari. Il titolo del gruppo media di Cologno Monzese fa segnare a metà mattinata un rialzo del 4,41% a 6,16 euro con già quasi 4 milioni di pezzi scambiati. A dare gas al titolo del gruppo che fa capo alla Fininvest di Silvio Berlusconi la bocciatura arrivata ieri sera al Senato per il governo Prodi. Una crisi di governo che potrebbe essere d’intralcio all’iter della riforma Gentiloni per il settore media, più volte criticata dai vertici di Mediaset.

In avvio seduta è in deciso calo il titolo Alitalia mentre sul fronte opposto balza Mediaset, titoli sensibili alle vicende del Governo. In un S&P/Mib in crescita dell’1%, Alitalia cede il 2,50% dopo che alle primissime battute era arrviato a perdere oltre il 6%. Mediaset è in testa all’indice S&P/Mib con un rialzo del 4,23%. “I titoli risentono della caduta del Governo Prodi”, commenta a caldo un trader. In particolare sul titolo Alitalia pesano le possibili ripercussioni della caduta del Governo sulle trattative con Air France, mentre Mediaset è influenzata dalle speculazioni sulla riforma del mercato televisivo su cui stava lavorando il Governo Prodi, considerata penalizzante dalla società.

Immagine da gravestmor.com