Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
NON HA RAZIONALITÀ
MUSIC

Pase Rock



image by Brandon Showers and copyright Pase Projects, Inc.

Per una volta il vostro affezionatissimo è stato sopraffatto dal lato oscuro. Ma il suo lavoro è stato portato avanti, egregiamente, dalla biondissima Michelle Davis. Segue l’intervista allo stilosissimo Pase Rock (già visto in azione con Five Deez e Spank Rock), ospite questa sera del Palace (via Mannelli 185) assieme a Useless Wooden Toys, Milk ed ai vostri fedelissimi Soulsick Sounds.

Enjoy!

Michelle Davis: Prima di tutto vorremo fare chiarezza sulla tua citta’ di provenienza: sei di Cincinnati, L.A. o NYC? Come mai tutto questo mistero sulla tua provenienza?

Pase Rock: Sono di Cincinnati ma viaggio molto. Ho appena traslocato a Los Angeles da New York…ma a dire il vero torno spesso a casa, quindi non posso rinnegare le mie origini! Cerco comunque di essere un uomo di mondo.

Michelle Davis: La leggenda narra che hai iniziato a mettere i dischi all’eta’ di 9 anni… ma dove suonavi?

Pase Rock: Sì…è vero. Mia nonna aveva una fantastica consolle. Da piccolo volevo fare il dj hip hop e volevo imparare a scratchare ma dovevi avere dei piatti giusti e costavano tantissimo. Casualmente mia nonna li aveva e me li ha regalati.
Ho così imparato da autodidatta e ho iniziato a collezionare dischi….ed è lì che è iniziato tutto, quando avevo 9 anni.

Michelle Davis: Nella tua biografia c’e’ anche un passato hip hop con la crew dei five deez….

Pase Rock: Sì…io e i miei amici del liceo volevamo trovare noi stessi attraverso la musica. Lo abbiamo fatto per 10 anni…è stato bello.
Abbiamo fatto un paio di album e tanti tour in giro per il mondo. Una gran bella esperienza.

Michelle Davis: E quando hai deciso di fare il solista?

Pase Rock: Non ho mai deciso di fare le cose da solo! Sono stati gli altri a decidere per me! Soprattutto Nujabes, produttore hip hop giapponese (proprietario della “T Records” e “Guinness Records”, entrambe le case discografiche si trovano a Shibuya, Tokyo-ndr) che è morto un paio di settimane fa. Mi contattò dicendomi che gli piaceva tantissimo la mia musica e che voleva che andassi in giappone a registrare con lui. Così una o due volte all’anno, per due anni, mi ha pagato il viaggio per il Giappone e abbiamo registrato un disco e lo abbiamo fatto uscire sotto il nome di Pase Rock

image by Brandon Showers and copyright Pase Projects, Inc.

Michelle Davis: Il tuo singolo forse piu’ famoso si intitola Linsday Lohan’s Revenge ed e’ dedicato all’omonima attrice ed alla sua vag**a: vero o falso?

Pase Rock: Lo abbiamo registrato per ridere! Ero a casa di Santi (Santogold) insieme a Naeem (Spankrock) e ho fatto una traccia beat. Come sai, facciamo tutti musica ma era un paio di settimane che non producevamo qualcosa di nuovo. Così ho fatto questa traccia e volevo inventarci qualcosa con loro. Quindi eravamo a casa a cazzeggiare e su internet abbiamo trovato questa foto di Lindsay Lohan che aveva fatto scandalo sui giornali perchè i paparazzi l’avevano beccata in giro senza mutandine. La sera io e Santi ci scherzavamo sopra…..Naeem stava sonnecchiando e io ho iniziato a parlare della traccia nuova chiedendo di cosa potesse parlare. A quel punto Naeem si è svegliato di soprassalto e ha gridato “Facciamo un pezzo sulla F**A di Lindsay Lohan!!!”, Santi ha detto “sembra un ratto neonato”…e Naeem ha iniziato a cantare questa frase! Era tutto così divertente e stupido e abbiamo scritto di getto il testo…ma quando è arrivato il momento di registrare Naeem
si è praticamente tirato indietro. Che vigliacco! Ho cantato praticamente tutto io!

Michelle Davis: La tua musica e’ una mix di stili differenti, prende un po’ dall’hip hop, un po’ dall’electro, un po’ dalla house music… come riesci a unire tutto questo riuscendo a creare qualcosa di credibile e non scontato?

Pase Rock: Cerco solo di lavorare con le cose che mi interessano. Mi guardo molto intorno e cerco di attingere creativamente dall’esterno mantenendo però alcuni punti fermi come il funky e il soul. Cerco di essere coerente e di evolvermi seguendo i binari che ho costruito in precedenza.

Michelle Davis: Tra gli artisti per i quali hai suonato c’è anche elton john vero? Come mai credi che ti abbia scelto per suonare ai suoi party?

Pase Rock: Sai… in verità è una battuta che ho fatto… è una bufala che ho messo in giro per ridere! (ride compiaciuto-ndr)

Michelle Davis: Tra le collaborazioni, invece, da sottolineare quelle con Santogold, Spank Rock e Bjork… come si sono concretizzate?

Pase Rock: Bjork è stata in tour sia con Santogold che Spank Rock, che come dicevo precedentemente sono miei amici. Quindi la collaborazione è nata con molta naturalezza… mettevo i dischi agli afterparty di Bjork, più che altro perchè ero sempre presente ed ero dj quindi la scelta cadeva su di me per forza!

Michelle Davis: Che tipo di set proporrai agli amici del Palace?

Pase Rock: Party allo stato pure e tante mutandine che volano…..stile Lindsay Lohan.

Si ringraziano sentitamente Michelle Davis e tutti gli amici dell’Ex-Fila.