Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
VEDE LA GENTE MORTA
STORIES

Danza Contemporanea



La danza contemporanea è una forma artistica abbastanza sconosciuta ai non addetti ai lavori.

Come danzatrice ho difficoltà io stessa a definirmi: ballerina, danzatrice, danz-attrice, performer.

La definizione di questo variegatissimo mondo è abbastanza vaga e sfuma in discipline artistiche affini, dal teatro al mimo, dalle arti marziali all’acrobatica.

Chi la conosce da per scontato di cosa si tratti, anche se il panorama è vastissimo.

Eppure esiste una grande fetta di persone che non hanno idea di cosa si tratti.

La domanda di rito quando dico di cosa mi occupo è se ho intenzione di partecipare ad “Amici” di Maria De Filippi, poiché in televisione compaiono solo alcune delle tecniche più famose di danza: jazz, modern jazz e classico, che non sono però contemporanee.

Riporto qui una breve definizione e storia che ho trovato abbastanza appropriata a spiegare cosa sia e da dove venga questo genere artistico:

La danza contemporanea prosegue la rivoluzione attuata dalla danza moderna americana e dall’espressionismo tedesco a favore di nuove espressioni corporee, che talvolta comprendono anche la recitazione, in alcuni casi è detta infatti teatro-danza.

La sperimentazione conduce alla ricerca di un corpo “altro” dal quotidiano, “altro” dall’idealizzazione del corpo realizzata dalla tradizione del balletto classico accademico.

Il corpo del danzatore contemporaneo è un ipercorpo, come un ipertesto nell’informatica, una pagina web, con molti input espressivi ed emozionali per chi danza e chi guarda tra il pubblico.

È un corpo dove si inscrive la realtà contemporanea dell’uomo moderno del nuovo millennio.

Nei suoi gesti, nei suoi movimenti, nelle linee del corpo, delle braccia, delle mani, delle gambe che disegnano spazi corporei e geometrie nell’aria e a terra, c’è tutto l’uomo, le sue emozioni umane, la ricerca costante dell’amore, la gioia della vita, l’eros nel desiderio dei corpi che si intrecciano, ma c’è anche la paura, l’incertezza del nostro vivere quotidiano”.

MI rendo conto che le parole non saranno mai sufficienti come spiegazione quanto vedere qualche video. Presento quindi alcuni tra i video più famosi in circolazione:

Pina Bausch

DV8

http://www.youtube.com/watch?v=gCaAvb3iCPg

Dimitris Papaioanou

http://www.youtube.com/watch?v=IQ5krTgV98g

Mats Ek

Margherita Landi