Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
DOVE VANNO A FINIRE I TUBI?
LOCAL HEROES

Skanda



image

Skanda, malalingua di grosseto, è nel giro da 12 anni. E’ uno che non le manda a dire. Ce ne siamo accorti anche qui a Gold.

E la cosa, ci piace.

Mi avvicino all’hip hop a 12 anni, a Grosseto, grazie ad alcuni breaker che ballavano. Ma li ho smollati quasi subito. Ho sempre portato avanti più discorsi musicali contemporaneamente… l’amore per la chitarra (classica o elettrica) mi ha portato verso altri generi come il punk, l’hardcore, il crossover.

Questo tipo di influenze è facilmente riscontrabile nella musica di Skanda: a partire dal look, per arrivare all’attitudine, testi crudi e violenti, zero concessioni commerciali, spazio praticamente nullo per i compromessi. Nel bene e nel male.

Vomitorz – Da sordo by Skanda_Vomitorz

Il rap “serio” ho cominciato a farlo verso i 17 anni, quello vero, in italiano, grazie ad un compagno di scuola che mi ha introdotto al mondo dell’mcing. Così per scherzo ho iniziato a lavorare al freestyle su basi americane. Mi son reso conto progressivamente che avevo cose da dire e che il rap era il metodo di comunicazioni più diretto col quale potermi esprimere.

Seguono mesi di “cerchi” con gli amici in freestyle. Il ghettoblaster come unica costante.

Quello è il rap come lo intendo io. Dopo questa palestra mi sono messo a registrare le mie cose. E’ del 2006 l’EP coi Berserklan. Ma il mio cd vero e proprio “Depression city” è stato prodotto da Pussy Licker Music nel 2007 tramite Saifam, gli stessi che al tempo stavano dietro a Fibra e Club Dogo. Purtroppo la Pussy Licker è fallita e nel 2008 mi sono autoprodotto “Sickboy”, disco in 16 tracce, fortemente influenzato dal periodo di presomalismo che attraversavo all’epoca.

Vomitorz – Nibiru 2012 by Skanda_Vomitorz

Il disco è stato mixato dal suo chitarrista, compagno nel side project xover Spaghetti Crack.

Quello è stato un grosso stimolo per me. Avevo un po’ abbandonato il rap, poi ho ripreso contatti con amici come Shafy Click e Mc BBO col quale poi, in modo molto semplice e naturale, è nato il progetto Vomitorz, profondamente intriso di un black humor alla Chuck Palahniuk.

Il lavoro, realizzato in modo spontaneo, senza forzature, sarà disponibile in free download dal prossimo 12 giugno. Il disco è stato comunque anche stampato in un certo numero di copie col logo Stay Sick, lo stesso di Lapo Raggiro e di Keos-T.

Il progetto Vomitorz rispecchia un po’ il mio gusto personale, la mia visione della vita. Son di bocca buona, mi basta stare bene.

Vomitorz – Come Jhonny Rotten by Skanda_Vomitorz

Tra le altre influenze che ritornano nella musica di Skanda ci sono sicuramente i film horror, con una predilezione per lo splatter (Brian Yuzna e la produzione Troma, in particolare) e le numerose letture dell’mc grossetano, letture che comprendono Irvine Welsh, David Foster Wallace, il già citato Chuck Palahniuk. Oltre all’amore per il trash in senso stretto, quello inteso nella sua accezione originale, ovvero come una forte, cruda eppur surreale e sopra le righe critica sociale.

Se pensate che “La pupa e il secchione” o qualsiasi cosa della de Filippi siano trash, beh, siete molto distanti dalla verità.

L’ho inventata io in Italia questa cosa. Amo il trash crudo ma simpatico, quello ben esemplificato dai film della Troma. La gente a volte lo confonde col death rap di Necro o di Noyz Narcos. Non è la stessa cosa. Mi piace farlo così perchè IO sono così. E’ quello che sono, sono un cazzone, non vado a giro con un machete. Non sono il pagliaccio Baraldi.

Infine, si segnala la collaborazione col marchio Blasterfirm, nata grazie ad un’amicizia che va avanti da un paio d’anni. Prossimamente uscirà un EP showcase dal titolo “360 gradi”.

Per maggiori informazioni i siti da cliccare sono www.myspace.com/skandadimerda oppure www.myspace.com/vomitorz (presto online) o ancora www.blasterfirm.tk.
Potete mandare una mail scrivendo a skanda.trash@googlemail.com

Top 5 di Skanda in nessun ordine di preferenza.

  • Korn – Dead bodies everywhere
  • Moob Deep – Shook Ones
  • El-P – I’ll sleep when you’re dead
  • Skruigners – Finalmente mi odio davvero
  • Dead Prez – Hip hop

Vuoi promuovere la tua musica, cricca, scena, posse su Goldworld?
Scrivici a redazione@goldworld.it