Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
TANTO TEMPO FA, IN UNA GALASSIA LONTANA LONTANA
MUSIC

Phonat



“De’Canters, Valdarno”

Noi diciamo sempre così, un po’ come se fossimo gli unici a venirne fuori, a portare la musica fuori dalla vallata.

Naturalmente non è così, e ho tra le mani un esempio abbastanza celebre: Phonat.

All’anagrafe Michele Balduzzi, ‘sto ragazzo è partito da la nostra valle di lacrime per andare a Londra, dove fa parte di Young Punx -collettivo di produttori e musicisti – ed è uscito, alla fine dell’anno scorso, con il suo primo album Phonat, con cui bisogna dire che non è affatto passato inosservato, a giudicare dalle recensioni che si vedono in giro.

E non si tratta solo di un conterraneo, beninteso… Phonat faceva parte della Metro Hell Squad, prima grossa crew del Valdarno… quelli che ci hanno fatto iniziare, quando noi eravamo ancora ragazzini, a fare Hip Hop.

Quindi, quando ha tempo, viene a darci delle sonore lezioni a basket dall’alto dei suoi 2 metri e spiccioli al campetto a Incisa, e a mangiare cinghiale nella sua terra natia.

Non potevo perdere l’occasione di farvelo conoscere, quindi ci siamo organizzati per una bella Skypata, in cui gli ho fatto un’accurata intervista:

Snooze Bella Phonat, dov’è che sei?

Phonat Sono in studio qui da Young Punx, praticamente a London Bridge

Snooze Ah, Young Punx, mi descriveresti un po’ cosa è, per chi non avesse bene in testa la scena elettronica londinese (me compreso, devo dire) ?

Phonat Young Punx è un collettivo di musicisti elettronici, con una produzione che varia molto… si va dalla Techno, all’Elettronica, ai Breakbeat, alla House. Eclettico al 100%!

Snooze Ma tu come ci sei entrato, e cosa fai come membro del gruppo ?

Phonat Tutto è incominciato nel 2005, io facevo molto Breakbeat, che a Londra all’epoca andava molto forte, anche se poi è morto tutto (ride); mandavo molti demo alle etichette e loro mi hanno risposto molto positivamente, così abbiamo iniziato a fare un po’ di release su vinile da 12 pollici, vecchia maniera; Pian piano hanno iniziato a passarmi qualche lavoro occasionale, di produzione, e dopo un sei-otto mesi di collaborazione a distanza mi sono trasferito a Londra e ho iniziato a lavorare con loro in studio.

Snooze Quindi la tua prima roba, l’hai fatta da qua, dal Valdarno, e poi ti sei spostato la ?

Phonat Esatto, poi, come ben sai, io ho iniziato a suonare molto prima e facevo hip hop con la MHS e i miei primi lavori li ho fatti interamente in Italia. Anche alcune idee dell’Album sono cose che concettualmente appartengono al periodo in cui stavo ancora laggiù.

Snooze Visto che siamo in argomento, allora spiegami un po’ te, musicalmente, come sei nato ?

Phonat Allora, penso che la radice sia di famiglia…mio padre suona, ed è lui che mi ha dato l’avvio. Ho iniziato a suonare la chitarra verso gli undici anni, e sono ancora al livello tecnico di allora (ride)!
La cosa è esplosa in maniera evidente quando mi sono messo col l’MHS verso i quindici anni, e ho iniziato a fare le mie prime produzioni di Hip Hop Valdarnese. Da li è nato tutto: Computer, Cubase, Beats.
Poi la strada seguita è stata un’altra, neanche troppo diversa, secondo me; ma dall’Hip Hop, non solo musicalmente ma culturalmente, è partito tutto, e mi sento molto legato a questo.

Snooze Quanto è importante per te l’esibizione live ?

Phonat Bella domanda… è molto importante, ma credo che ancora, al di là del dj set puro, esistono ancora poche formule vincenti, per la musica elettronica, di fare esibizioni live; Credo che sia necessario ancora molto studio per permettere un’esecuzione che aggiunge valore rispetto al pezzo ascoltato sul disco.
Quello che manca rispetto alla musica strumentale sono le piccole differenze e l’improvvisazione, che trasformano ogni esecuzione in un evento unico; La musica elettronica non mi soddisfa del tutto, in questo. Anche il mio fare dj set è la conseguenza del fatto che non ho trovato ancora un set up, per i miei live, che mi soddisfi appieno

Snooze Te hai fatto uscire un disco solista, chiamato in maniera omonima Phonat. Come è nata l’ispirazione per questo lavoro ?

Phonat Il disco l’ho iniziato a concepire nella fine del 2008, ma non c’è stato un grosso ragionamento dietro: è un disco molto istintivo, e l’ho voluto così perché rappresentasse bene quella che è un po’ la mia schizofrenia musicale, il mio attingere ispirazione dalle fonti più disparate.

Snooze … Che è parte del tuo background con il rap e il campionamento, giusto?

Phonat … Esatto! Per questo dicevo che non è cambiato poi molto da quando facevo Hip Hop, semplicemente non sto più in quella struttura di bpm, di sound, di canoni tipici di quella musica, ma il mio metodo di lavoro è rimasto lo stesso.

Snooze Ma il disco come è andato? So che ha avuto anche discrete recensioni… ho visto che un pezzo in particolare (Learn To Recycle-ndr) è stato definito la “Bohemian Rhapsody for the acid house generation”.

Phonat Qualcuno se l’è sentita particolarmente (ride)! Quando il disco è uscito non mi aspettavo questo riscontro, il disco è andato abbastanza bene, veramente oltre le mie aspettative.

Snooze Ok, classica domanda: fare musica a Londra e farla in Valdarno… adesso che c’è la Rete, è veramente così diverso?

Phonat Sai, dipende molto dalla persona, ma la differenza fondamentale è il contesto; qui a Londra c’è una massa di input ed eventi in cui ti rotoli dalla mattina alla sera, che non possono che stimolarti… oltretutto la differenza è anche a livello di società: qui è molto affermata la meritocrazia, se uno ha idee e volontà a un certo punto una possibilità la trovi, indipendentemente da chi sei, come ti chiami, come ti vesti o che barba porti. In Italia, lo sai, è abbastanza più difficile.
Con internet e tutto la situazione è migliorata, ma c’è ancora bisogno di quel contatto fisico tra persone, credo.
Anche l’influenza di stile; stando in una grande città il suo suono ti influenza e il suono urban di Londra, dopo un po’, ti entra nelle ossa!(ride)

Snooze Progetti in cantiere ? Su cosa ti stai concentrando ?

Phonat In questi ultimi sei mesi ho lavorato molto a produzioni altrui, non ho fatto niente per il progetto Phonat…credo che adesso, da fine novembre, inizierò a raccogliere le nuove idee per il prossimo album.

Snooze Ok, direi che è tutto! Grazie Phonat, e a presto!! Ci vediamo quando scendi giù in campagna da noi

Phonat Ok… stammi bene e ciao!

Per chi volesse altre info su Phonat, può trovare molto sul suo sito: www.phonat.net

Bella!