Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
CREDI CHE SIA ARIA QUELLA CHE RESPIRI?
ARTS

Lasciami entrare



Regia Tomas Alfredson
Svezia 2008

Uno dei personaggi dell’immaginario horror che preferisco è da sempre il vampiro. Molto probabilmente questa mia scelta nasce dallo stile che la letteratura e il cinema (e ultimamente anche la televisione) hanno donato a questa creatura. I vampiri sono belli, giovani ed eleganti e spesso e volentieri ci viene quasi naturale schierarci dalla loro parte.
Spesso però, senza fare di tutta l’erba un fascio, i film sui vampiri diventano beceri e, al contrario di ciò che rappresentano i loro protagonisti, quasi mai stilosi. Non è assolutamente il caso di “Fammi entrare”, film svedese del 2008, che riesce a raccontare una storia horror in un modo così elegante che lascia lo spettatore quasi spiazzato per la pochezza di scene violente o horror appunto.
È la storia di Oskar, un ragazzino di dodici anni che vive in un sobborgo periferico di Stoccolma, vittima del bullismo dei suoi compagni e che fa amicizia con Eli, una vampira apparentemente coetanea, che per sopravvivere è costretta ad uccidere gli abitanti della suddetta cittadina.
Una delle caratteristiche che colpisce di più è il contrasto tra i paesaggi bianchi innevati e l’oscurità che avvolge la figura del vampiro, così come il contrasto tra l’innocenza del bambino e il male che comunque è costretta a fare la perennemente giovane vampira.
Bianco, nero e rosso sono i colori chiave di questo pluripremiato film.
Stilosissimo!

Premi

Kansas City Film Critics Circle Awards 2009: miglior film straniero
BIFFF 2009: Corvo d’Oro per il miglior film
Scream Awards 2009: miglior film straniero
British Independent Film Awards 2009: miglior film straniero
Fantastic’Arts 2009: Grand Prix per il miglior film e Premio della critica
Méliès d’oro 2008