Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
È PIÙ FACILE DI TWITTER
MUSIC

Herbaliser



Clicca qui per vedere il Fotoreport della serata

Nonostante quello che si possa pensare, non è un momento facile, questo, per gli Herbaliser. Il salto nel buio rappresentato dal passaggio all’etichetta berlinese K7 dopo quasi 20 anni su Ninja Tune non ha dato i risultati sperati.

Per ora.

Anche dal punto di vista artistico le cose non vanno benissimo: la giovane cantate Jessica Darling, voce principale su “Same as it never was“, ultimo disco del duo, è stata ben presto allontanata dalla band (questioni di egotrip, dicono i bene informati) e la rivoluzione dubstep si è abbattuta, nel bene e nel male, anche su di loro.

Pare infatti che a Londra il loro sound non sia più così trendy.

E allora ecco che, nel camerino del Viper Theatre, dopo il loro dj set, Ollie Teeba e Jake Wherry, rispettivamente dj/producer e chitarrista/bassista della band, si lasciano andare ad una lunga onesta confessione…

I risultati di quella confessione sono qui sotto. È un’intervista abbastanza particolare questa, frutto dell’intimità e del bel clima che si era venuto a creare nel backstage del club delle Piagge. Più che un’ intervista vera e propria, è una sorta di “sfogo registrato”. Non capita spesso che un musicista di questa fama si lasci andare ad interviste così sincere.

Gustatevela, e attenzione al fattore nostalgia, sempre in agguato.

Ollie Teeba Quando ci siamo accasati presso la Ninja Tune, tutta la scena musicale era dominata dalla house e dalla techno, già a partire dalla fine degli anni ’80…

Deiv Stiamo parlando, all’incirca, dei primi anni ’90 giusto?

Ollie Teeba Esatto. Diciamo del periodo compreso tra l’88-’89 ed il ’94-’95. C’erano ovviamente anche altre persone che stavano facendo cose interessanti, ma quello che ti dava le chiavi dei club, chiaramente, erano la house e la techno. C’era chi sperimentava con i bpm, come nel caso della drum n bass o nel caso di tutte quelle cose “dubbettose” o downtempo che, in seguito avrebbero dato, parzialmente, il via a fenomeni come il trip hop… e poi ovviamente c’era la nascita di quello che sarebbe diventato il big beat.

Quindi all’epoca la scena era molto viva e variegata.

Adesso invece c’è un solo sound di successo (dubstep, appunto) e tutti che rifanno quel suono. È noioso. E la gente si annoierà e vorrà sentire altre cose. Questa è la cosa principale. Attenzione, non sto dicenco “voglio che quel suono muoia e sparisca”, voglio solo che tutto non suoni così simile. Inoltre non c’è più il verso di sentire il suono di uno strumento. Neanche di quelli campionati, che è poi il motivo per cui mi sono innamorato dell’hip hop, l’unione del vecchio col nuovo. Come quando campioni un pezzo jazz vecchissimo, lo tagli, e poi gli metti sopra una drum machine nuovissima con un beat potente. Adesso tutto quel che senti è uscito da un computer. E non c’è niente di sbagliato in questo, ma dev’esserci spazio anche per altre cose!

Sai, abbiamo fatto una data, a Londra, con MF Doom, e c’erano persone, nel pubblico, che semplicemente ci osservavano con gli occhi pallati, come se non avessero mai visto nessuno suonare un sassofono. Devo ammetterlo, ci siamo sentiti veramente “strani”. Credo sia una cosa vergognosa. Allo stesso tempo mi rendo conto che sto facendo un’intervista molto negativa, confessando qui le mie frustrazioni.

Deiv Beh, non dovresti essere frustrato. Sei un musicista di successo, almeno secondo il mio punto di vista.

Ollie Teeba No certo, la frustrazione è data solo dal momento. Non stiamo ricevendo molte richieste per suonare a giro e quindi… non è facile. Soprattutto se, come noi, ormai sei a giro da quasi vent’anni. Anche arrivare ad esser pubblicati in tutti quelli che sono i magazine musicali con una distribuzion ragionevole è diventato difficile. Almeno in Inghilterra. Tutto quello che ti sto dicendo è riferito all’Inghilterra. Il mercato musicale una volta era così “aperto” mentre ora sembra semplicemente molto molto controllato. E secondo me questo si spiega in un gruppo di poche persone che decide il gusto musicale di tutta la nazione…

Deiv Allo stesso tempo però, se ci pensi, non c’è mai stata tanta musica in giro come al giorno d’oggi.

Ollie Teeba Si ma non c’è varietà! Se guardi le classifiche c’è solo gente che proviene da X-factor o da un talent show…

Deiv Si, ti assicuro che qui in Italia sta avvenendo lo stesso.

Ollie Teeba E sono tutti con l’auto-tune, non ci sono più voci naturali… la musica pop è tutta fatta col computer non c’è più il verso di sentire una chitarra per esempio.. a parte che tu non senta un gruppo emo e ok, loro ovviamente danno molta importanza alle chitarre, ma a parte loro.. ed anche loro, comunque, hanno un suono molto processato. Tutto adesso suona troppo-prodotto (over produced) troppo processato (over processed) e di fondo non c’è più spazio per i suoni naturali. Ovviamente sto parlando per quello che è il mio gusto personale.

Deiv C’è da dire anche che, nel pubblico, non c’è poi tutta questa curiosità nell’andarsi a sentire cose nuove o diverse.

Ollie Teeba Beh ci stiamo rivolgendo alle nuove generazioni…

herbalizer

Deiv Credo che il protagonosta principale di questo cambiamento sia internet. Tutto ora è facilmente accessibile ma anche facilmente dimenticabile.

Ollie Teeba Quello che è successo, e me ne accorgo suonando nei club, è che la soglia di attenzione si è abbassata drasticamente. Ad esempio, recentemente abbiamo suonato in Romania ed il pubblico sembrava disposto ad ascoltare qualsiasi cosa, che è una cosa buona. È vero anche, però, che dopo 5 o 6 minuti tutti si stufavano di qualunque cosa io potessi suonare loro. Stanotte ad esempio (si riferisce al suo dj set al Viper Theatre) ho fatto anche una session latin ed una reggae… ecco in quel club in Romania non avrei potuto suonare più di uno o due pezzi del genere, altrimenti la gente avrebbe cominciato a dirmi “cambia!” “suona qualcos altro!”

Quindi al momento le cose non sono facili né divertenti. Però crediamo molto nella qualità della nostra musica e nel fatto che, se il tuo prodotto è buono, probabilmente ti tornerà indietro con dei buoni risultati. Voglio dire, quando ero giovane, mi piaceva molto l’hip hop e l’ho visto cambiare sempre, essere di nuovo la cosa più fica per poi non esserlo più, decine di volte, continuamente. Ricordo un tizio che, agli inizi degli anni ’90, mi venne a dire”perchè perdi tempo con l’hip hop? Ormai è fuori moda” riferendosi ovviamente a quello degli anni ’80. Quindi per lui era una moda finita. Peccato che nel giro di due o tre anni l’hip hop finì per diventare il genere musicale più venduto al mondo.

Ma ovviamente tutto ha un costo.

Pensando a come è cambiato adesso… voglio dire, tutto cambia nel tempo ma così… penso a quando ero ragazzino e l’hip hop era la mia cosa. Era la mia tribù. Il calcio mi faceva schifo. Ed era una cosa nostra. Gli altri non la potevano capire. E gli altri veramente non la capivano. Al tempo i graffiti, ad esempio, erano descritti molto negativamente, era solo vandalismo. Non si poteva neanche iniziare una conversazione sui graffiti parlando vagamente di arte.

Non c’era proprio verso.

E la gente che ti diceva “perchè porti quegli strani lacci alle scarpe?” Tu non fai parte di questo, non puoi capire. E se incontravo qualcuno per la strada che portava i miei stessi lacci, allora sapevo che era parte della mia tribù. Adesso non succede più questa cosa, tutto è diventato di tutti. Ricordo, da ragazzino, un altro ragazzo con questo tipo di lacci che mi diceva “Perchè ascolti l’hip hop? Fa schifo!” Ed io pensavo “E allora quei lacci che te li metti a fare?”

Questi sono per noi, non per te!

Ovviamente ti parlo di roba di ragazzini, ma sai, per capirsi… anche perchè adesso questo sentimento non esiste più. Tutto è in tv, sempre, a qualsiasi ora… è diventato per tutti. Adesso la gente non sa più com è fatto il vero hip hop e si becca tutta quella merda. Non sto dicendo che l’hip hop non si possa fare col sintetizzatore o che si possa fare solo campionando vecchi dischi… ma per me la forma d’arte originale nasce col dj che suona due copie dello stesso disco… il break di uno e poi il break dell’altro… e così via… la cui estensione naturale è il sampling (campionamento). Per me quella è la forma artistica originale e va preservata.

Un po’ come nel jazz no, puoi avere tanti tipi diversi di jazz, ma ci sarà sempre qualcuno che cercherà di tenere in vita il dixieland o lo stile di New Orleans.

Perchè è importante.

Fa parte dell’eredità che passeremo ale prossime generazioni. Per le quali qualcosa che ha un anno è già vecchio! Voglio dire, anche io sono stato quindicenne, e certe cose le posso capire, ma, appunto, quando avevo 15-16 anni, quello è il periodo in cui ho cominciato a ricercare dischi vecchi per capire cosa c’era dietro e fondamentalmente capire l’hip hop.

E quindi arrivi a James Brown e ne capisci l’importanza.

Perchè il momento in cui la musica diventa interessante è il momento in cui cominci a guardarti indietro, a guardare cosa c’era prima. Sai, quando ero piccolo, anzi, prima ancora che nascessi, mio padre era un appassionato di rock, che poi si spostò sul blues. E quello, per me, ragazzino cresciuto tra il finire degli anni 70 e l’inizio degli anni 80, era il mio universo musicale. E man mano che io crescevo, gli acquisti di mio padre si spostavano verso musica sempre più vecchia, che poi diventava la mia. Forse, in realtà, è solo un segno di invecchiamento, questo mio pensare che le nuove generazioni non siano interessate ad altro che non sia “ora!qui!adesso!” senza domandarsi cosa ci fosse prima. Forse è sintomatico dell’essere teengaer questa ricerca spasmodica della “new shit” ma al giorno d’oggi c’è talmente tanta “new shit” che non c’è più spazio per la “old shit”. Sai cosa intendo no?

Deiv Ovviamente.

Ollie Teeba E noi siamo decisamente “old shit” !!! (ride)

Deiv Si, però non essendo voi mai stati un nome mainstream immagino che supererete anche questa nuova tendenza.

Ollie Teeba Me lo auguro! Poi sai, a volte, quando le cose “ritornano” diventano ancora più di successo della prima volta in cui son state presentate…

herbalizer

Deiv Beh quando voi avete iniziato, nel 94 più o meno, il vostro sound ha influenzato molte persone, molti musicisti. Voglio dire che in buona parte è stato ripreso da altri artisti. Non trovi?

Ollie Teeba Non saprei… sono cose che si dicono e che a volte qualcuno mi ha detto… ma non ho mai sentito un grande artista dire “ah cazzo siamo stati influenzati di brutto dagli Herbaliser”. Tanta gente mi ha detto che siamo stati un’ispirazione per loro, ma non sono sicuro su quale possa essere stato effettivamente il nostro impatto sulla musica che di oggi… soprattutto su quella che si vende oggi… tutta quella roba digitale…

Deiv No, non intendevo sulle cose di oggi, però è esistito ed esiste quel suono vostro che è uscito dall’Inghilterra per tutti gli anni ’90…

Ollie Teeba Beh, sicuramente la Ninja Tune nel suo complesso è stata ina grossa influenza su diversi artisti… sai se penso a cose come Flying Lotus… lui probabilmente è stato influenzato molto da Dj Food e da Amon Tobin piuttosto che dagli Herbaliser.

Jake Wherry Noi siamo stati decisamente pionieri per quanto riguarda il campionamento creativo (creative sampling). Quando abbiamo cominciato, la gente lavorava con Fruity Loops e si limitava semplicemente a ripetere sezioni di quattro barre.. noi invece ci siamo messi a tagliare campioni molto piccoli per poi utilizzarli in maniera creativa e quello è qualcosa per cui decisamente possiamo prenderci il merito.. non di essere stati i primi a farlo ma sicuramente di esser stati tra i pionieri di questo modo di lavorare. Anni fa quando sentivi un disco hiphop, soprattutto quelli strumentali, erano fatti sempre col solito campione ripetuto ancora e ancora e ancora.. noi invece eravamo fortemente influenzati dalle colonne sonore, dal fatto che il suono dovesse sposarsi con le immagini.

Deiv Quindi è vera questa cosa, riguardo al vostro processo creativo, che prima pensate alla scena di un film e poi pensate a come metterla in musica?

Jake Wherry Si, si, assolutamente.

Deiv Quindi, parlando di cinema, quali sono i film che vi piacciono?

Ollie Teeba Quelli belli!

Jake Wherry Quelli di spionaggio, quelli del periodo blaxploitation in particolar modo “Shaft in Africa” che aveva questa sezione di ottoni di 14 elementi, altri dieci agli archi, più i suonatori di congas! Poi che altro.. “Enter the dragon” di Lalo Schifrin (in italiano: “I tre dell’operazione drago” grande classico con Bruce Lee protagonista) gran colonna sonora e gran film.
Deiv Quella colonna sonora credo sia stata campionata dai Portishead.

Jake Wherry E da noi.

herbalizer

Deiv Qualcosa di Morricone?

Ollie Teeba Si si, “The Thing” (in italiano “La cosa” di John Carpenter) è una delle mie colonne sonore preferite. Che altro? “Pelham 1, 2, 3” e ovviamente “Dirty Harry” (in italiano “Ispettore Callaghan il caso scorpio è tuo“). Che sono poi le cose con cui siamo cresciuti, prima di arrivare all’hip hop, prima di metterci a fare musica. Comprai la colonna sonora subito dopo aver visto il film (si riferisce ad “Enter the dragon“) avrò avuto 12 anni, ed all’epoca avevo sentito, si e no, una canzone hip hop. Curioso come le cose si siano incontrate, dopo.</p>

Deiv State già registrando materiale per il prossimo disco?

Ollie Teeba Si, stiamo suonando assieme e raccogliendo le idee, poi cercheremo di capire quali finiranno sul disco. C’è ancora molto da fare.

Deiv Quando entrate in studio avete già un’idea di come volete che suoni il disco? O piuttosto i vostri lavori sono delle collezioni di canzoni?

Ollie Teeba Il disco più o meno prende forma mentre lo facciamo. Voglio dire, se tu lavori su un insieme di canzoni nello stesso periodo di tempo, queste troveranno delle connessioni fra di loro. E quelle che non lo fanno non finiranno sul disco. Ma in effetti il primo disco che facemmo (si riferisce a “Remedies” del 1995) è decisamente una collezione di canzoni che poco hanno a che vedere l’una con l’altra. Mentre il disco seguente “Blow your headphones” era già diverso perchè le canzoni erano connesse fra di loro: ci tenevamo ad avere qualcosa che suonasse come un album, piuttosto che come una compilation.

Deiv Chi sono Mr Chombee e Mr Quicke? (personaggi ricorrenti nell’universo Herbaliser)

Ollie Teeba Ahahahaha! Chi sono? Beh nessuno in particolare, servono solo a farci divertire con la musica. Prendiamo la nostra musica molto seriamente ma cerchiamo di non prendere noi stessi troppo seriamente. Per questo cerchiamo, nei nostri dischi, di inserire elementi divertenti: non sono mai stato un fan della musica che si prende troppo sul serio. Stessa cosa per il rap: ho sempre amato gli mc giocosi, divertenti, mentre non riesco a sopportare quelli che non fanno altro che esaltare sé stessi.

Deiv Purtroppo rappresentano la maggior parte dell’hip hop odierno.

Ollie Teeba Hai ragione, ed è sbagliato! Prima non era così. Quelli che volevano fare a botte non facevano rap. L’hip hop era, appunto, l’alternativa a quelle stronzate. Poi le cose hanno preso un’altra direzione… quello che vende è il sesso e la morte. La gente vuole sesso e morte. E questi mezzi vengono utilizzati per venderti tutto, film, libri, anche la musica ovviamente. Pensa anche al metal… io apprezzavo gruppi come i Beatnuts che facevano cose “tipo gangster” ma poi se ne uscivano sempre con un “dai stiamo scherzando!”

O anche Ice-T, l’ho sentito dire in un’intervista “beh sai io posso dire che faccio rimbalzare il mio cazzo sul muro ma, intendiamoci, sto solo dicendo stronzate, non vuol dire nulla!”

Ci sono dischi in cui i rapper prendono troppo sul serio i loro personaggi e questi sono noiosi. Meglio divertirsi! Pensa ad Eminem… lui è un grande mc ma i suoi testi sono divertenti.

L’intervista si conclude con una domanda scema, quella sul nome. Domanda che generalmente non faccio mai. Anche perchè gli stessi Herbaliser, nella cena prima del concerto, mi confessano di odiare i giornalisti che fanno loro questa domanda. Io la faccio comunque, come provocazione, ma, nell’atmosferà di intimità che si è venuta a creare nel backstage, questa cosa non passa ed io ricevo una risposta seria. Ecco quindi, la genesi del nome Herbaliser…

Deiv Quindi come ve ne siete usciti col nome Herbaliser?

Jake Wherry Uno del nostro gruppo è un grande amante di jazz, e c’è questo jazzista tedesco che si chiama Peter Herbolzheimer. Lui storpiava continuamente il suo nome chiamandolo Peter Herbaliser. Quando ci siamo ritrovati pronti col nostro primo 12 pollici non avevano ancora un nome e decidemmo per quello. È un nome unico, che si ricorda facilmente.

Deiv Grazie, non avrei mai pensato che mi avreste risposto!

Herbaliser Grazie a te.

Le foto sono di Emanuela Nuvoli.

Clicca qui per vedere il Fotoreport della serata