Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
UNA TEMPESTA INTEMPESTIVA
EVENTS

Onyx live a Bologna… Fermi tutti, stronzi. E giù le pistole!



Sono arrivati gli Onyx e mo’ so cazzi vostri. Complice anche il pacco estivo del Raze it up, che proprio da un pezzo di Fredro e soci prendeva il nome, il prossimo concerto del quartetto del Queens si presenta come l’appuntamento imprescindibile di questa nuova stagione hip hop.

Gli Onyx sono un vero e proprio gruppo di culto, essendo riusciti nella non facile impresa di mantenersi una credibilità street pur avendo video in rotation su Mtv. Beh, non proprio tutti i video. Nonostante l’approccio hardcore e l’attitudine rock i nostri pelati preferiti hanno dimostrato un’estrema sensibilità musicale, presentandosi spesso accompagnati da basi che strizzavano l’occhio al jazz. L’immortale “Shiftee” ne è un classico esempio.

Cattivi insomma, ma non senza gusto. Attivi fin dalla fine degli anni ’80 (potete ascoltarvi un’acerba “Ah and we do it like this”, primo 12 pollici registrato dalla band dove già è però possibile ritrovare gli elementi tipici che faranno la loro fortuna nei ’90s), vengono “scoperti” da Jam Master Jay, sempre sia lodato, che produce il loro primo EP “Throw ya gunz”.

Il nome Onyx comincia a girare e presto si materializza il tanto agoniato contratto discografico. A produrre il primo disco dei molesti del Queens è la Def Jam, che all’epoca era ancora un’etichetta seria. Il risultato è “Bacdafuckup”, un classico del rap hardcore, che verrà seguito a due anni di distanza da “All we got iz us”, disco possibilmente ancor meno commerciale dell’esordio e, proprio per questo motivo, idolatrato dai fan.

Ora, mi rendo conto che un termine come “classico dell’hardcore” è un tantinello abusato. Ma in questo caso l’etichetta non è appiccicata a caso. Se nel vostro percorso musicale in quattro quarti vi siete persi pezzi come “Slam” o “Throw ya gunz”, per non parlare di “Last Dayz”, beh, vi siete proprio persi qualcosa di grosso.

Tornando invece all’attitudine rock: impossibile non citare il remix di Slam realizzato assieme ad un’altra leggenda dell’hardcore, metal in questo caso, i concittadini Biohazard. La potente collabo si è poi ripetuta sulla colonna sonora di “Judgement Nights”, disco a suo modo epocale (mentre il film potete tranquillamente risparmiarvelo).

Gli Onyx sono un gruppo che avrebbe potuto “fare il botto”, ma ha preferito il rispetto al denaro, lo stile alla fama. E di questo possiamo solo essergli grati, così come lo sarete voi quando starete demolendo il TPO, il prossimo 15 ottobre, sulle note di “React” o “Shut ‘em down”.

Noi saremo lì. Qualcuno dovrà pur raccogliere le macerie…

 
Boomdraw Int’l & Bizzarri Records Proudly Present:

ONYX (Fredro Starr & Sticky Fingaz) from NYC

Opening Show: INOKI NESS + DJ TRIX
Warm Up & Closing: Dolma Ye + Bizzarri Fam + Guest

21.30>23.00: Warm UP
23.00>23.30: DJ TRIX
23.30>24.00: INOKI NESS
24.00>01.30: ONYX
01.30>04.00: Finale

TPO, Via Casarini 17/5, Bologna (dalla stazione bus 35, 18, 86 o navetta A)
15 Ottobre 2011 – Open: 21.30 – Entry: 15 Euro – Info: 329 883-3124 / 380 376-6688