Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
HA VISTO LA LUCE
ARTS

Beyond the Surface: The Inner World of Portraits



Foto in alto: opera di Toluwalase Raymond

Black Liquid Art ospiterà fino a martedì 11 giugno 2024 “Beyond the Surface: The Inner World of Portraits”. L’esposizione, attraverso la ritrattistica femminile africana, vuole essere uno spunto per indagare la caleidoscopica natura della donna, e nello specifico di quella africana.

La bellezza della donna nera è spesso offuscata da un mondo che perpetua la supremazia bianca. Come afferma bell hooks, autrice e attivista afroamericana: ”Le donne nere sono talvolta portate ad accettare il mito della loro inferiorità sessuale e di bellezza”. Questo mito, radicato in secoli di oppressione e colonialismo, continua a influenzare la percezione della bellezza delle donne nere e delle afrodiscendenti nella società contemporanea.

Opera di Olamilekan Abatan

Nel contesto dell’arte contemporanea, l’analisi dei ritratti va ben oltre la superficie visibile delle opere. Questa mostra incanala il pensiero critico non solo di intellettuali, ma anche di artisti come Aïda Muluneh, Olamilekan Abatan, Atiye Afolabi, Tukayo Bailey, Joseph Chiemerie, Osvaldo Ferreira, John Hopex, Henry James, Kayode, Toluwalase Raymond e Jessy Tessy, per esplorare attraverso le loro opere la potenza espressiva dei ritratti.

Uno dei punti focali è la sfida agli stereotipi che hanno plasmato la percezione delle donne africane nel corso della storia. Come sostiene sempre bell hooks, i ritratti non devono limitarsi a celebrare la bellezza esteriore delle donne africane, ma devono anche interrogare e smantellare i preconcetti restrittivi e negativi che le hanno perseguitate.

Opera di Jessy Tessy

Una delle opere in mostra è quella dell’artista etiope Aïda Muluneh, la quale offre una prospettiva unica su come i ritratti possano diventare strumenti di resistenza e di rivelazione. I suoi lavori non si limitano a catturare la bellezza delle sue modelle, ma fungono anche da specchio riflesso delle storie distorte e delle ingiustizie subite dalle donne africane. Muluneh sottolinea il potere intrinseco dei ritratti nel mettere in discussione le narrazioni dominanti e nel costruire nuove prospettive.

Opera di Aïda Muluneh

Attraverso l’esplorazione delle interiorità rappresentate nei ritratti, la mostra “Beyond the Surface” invita il pubblico a guardare al di là delle apparenze esterne e ad immergersi nei mondi complessi e ricchi delle persone ritratte. Ciò che emerge non è solo una celebrazione della bellezza e della diversità umana, ma anche una critica acuta delle strutture di potere e delle ideologie che hanno plasmato la nostra comprensione del sé e dell’altro.

Opera di Kayode

Durante la mostra verranno presentati inoltre il libro “Fortunatamente nera” della scrittrice Nogaye Ndiaye e il docu-film “Sono nera, sono bella”della regista indipendente Sabrina Onana, testimonianze che affrontano il tema del razzismo e della discriminazione attraverso la prospettiva di donne nere che vivono in Italia e Francia.


La mostra curata da Antonella Pisilli sarà visitabile su appuntamento fino a martedì 11 giugno 2024

C/O Black Liquid Art Gallery

Via San Tommaso, 55 – 01100 Viterbo

Contatti e info: +39 3397865017
blackliquidart@gmail.com