Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
NOI RAPINIAMO BANCHE
ARTS

Introducing: Leonardoworx



Formatosi in una delle scuole internazionali più rinomate d’Europa (l’Offf di Barcellona), Leonardo Betti di professione fa il digitalartist. La sua visione del mondo sulle cose si incarna in mondi liquidi ed apocalittici universi dove la materia rappresenta la signora e padrona indiscussa dell’essere.

I regni digitali frutto della fantasia di questo artista (ogni volta si tratta infatti di piccoli ma poetici estratti narrativi) hanno sempre un afflato epico, caratteristico anche delle produzioni video in cui i corpi umani sono i protagonisti dell’inquadratura scelta.

L’energia che vibra nelle immagini in movimento, si concretizza in effetti grafici di alto livello e cura formale. La carica esplosiva della personalità di Leonardo si riflette nel suo lavoro, coadiuvato da un iperattivismo cronico che lo condanna alla creatività continuata. Per mettere a fuoco il personaggio vi presentiamo una mini intervista realizzata al termine di quest’anno per trarre le fila del suo cammino artistico e personale.

SHOWREEL 2012:

Cosa ti ha spinto ad intraprendere la carriera di videoartist?

Mi chiamo Leonardo Betti aka Leonardoworx, un digital artist a 360 gradi,mi muovo dalla regia di shortmovies, 3D motiongraphic, sound design fino alle installazioni interattive.
Ho iniziato ad usare le nuove tecnologie fin da quando ero bambino, trasformandole nel mio linguaggio per esprimere tutto quello che mi passava per la testa (e non solo).
Dopo aver studiato musica e nuove tecnologie al Conservatorio Cherubini a Firenze e poi all’Ircam (centre Pompidou, Parigi), quasi per gioco questa è diventata la mia principale attività e da 5 anni i lavori che creo vengono esposti in gallerie d’arte, musei, piuttosto che commissionati da fashion brands, concept stores e chi più ne ha più ne metta!
Poi ho avuto la fortuna di essere stato selezionato all’Offf Atelier (OFFF Festival) a Barcellona, dove ho avuto l’occasione di confrontarmi con tantissime persone di rilievo nel mio settore e conoscere un’ambiente dove a prescindere dal livello o la notorietà la cosa più importante era lo scambio e la condivisione.
Infine soffro di iperattivismo 24h al giorno, non riesco a stare fermo! E’ un problema?

BEAUTY IS NOT FOR SALE:

Quali sono i tuoi punti di riferimento nel tuo cammino attuale?

Ce ne sarebbero tanti da elencare, ma quelli che mi colpiscono di più solitamente sono tutti artisti che non hanno niente a che fare col compromesso e il carino.
Preferisco che mi venga detto che un mio lavoro è bellissimo o bruttissimo, che non si può guardare, piuttosto che mi venga detto che è “carino”. Il termine carino non è ammesso… io lo traduco con insipido, che non comunica, non sa di niente.

ANUNNAKI:

Come vedi il tuo futuro e quello delle produzioni video?

Il mio futuro sicuramente è in continuo movimento, fuori da schemi dettati dalle regole di marketing o dall’ignoranza e la poca sensibilità, , che purtroppo per queste cose è dominante anche nei piani alti di questo settore in Italia.
Ho avuto l’onore di essere stato selezionato da Matthieu Colombel (TBWA Paris) e classificato 8vo tra i migliori motion designers a livello mondiale del 2012.
Questo fuori dallo stivale ha un valore ed è riconosciuto,  purtroppo non è capito o addirittura ignorato in un paese dove una gran parte dei creativi si definiscono tali solo perché da bravi Hipsters hanno un macbook con installata la Creative Suite di Adobe.
Poi figurati, in Italia per altre cose si sta bene, soprattutto nel mio studio, dove i festini che organizzo sono tutti top e sono circondato da amici con i quali mi diverto e condivido tutto!
Per concludere cito una frase estratta dall’uomo pipistrello:
Non è tanto chi sei, ma quello che fai che ti qualifica.

SECRETS: