Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
UN OFFERTA CHE NON SI PUÒ RIFIUTARE
ARTS

Djesus: Gesù come Django



Metterà alla prova il vostro buon gusto, eppure il videoclip Djesus Uncrossed (letteralmente, Gesù Non Sbarrato ma il rimando evidente è alla Crocifissione) è già cult in rete. A sdoganare questa sorta di parodia biblica del fenomeno Django Unchained, film campione di incassi diretto da Quentin Tarantino, è stato il programma televisivo americano Saturday Night Live, che ha trasmesso, a suo rischio e pericolo, il trailer di un film (inesistente) in puro stile Tarantino, con protagonista Gesù. La parodia ai confini dell’eresia di Djesus/Django mette in scena il Figlio di Dio più ultraviolento, pulp e western della storia, incrinando così la fiducia tra lo show-varietà di NBC e il pubblico di Cristiani, offesi e incattiviti per le immagini del promo.

Lo sketch si apre con la Resurrezione di Gesù, o meglio di Djesus (interpretato dall’attore feticcio di Tarantino, già presente in Bastardi senza gloria e Django, Christoph Waltz). Gesù abbandona il Santo Sepolcro e, anziché salire al Cielo per sedersi alla destra del Padre, corre a vendicarsi facendo fuori più Romani che può, tra l’invasato e il rabbioso, proprio come La Sposa di Kill Bill. “E’ risorto dalla morte, ed ora predica tutto fuorché il perdono” intona il narratore, mentre Gesù, sullo sfondo, massacra i suoi carnefici senza pietà. Il trailer miscela personaggi e volti noti, apparsi nelle pellicole di Tarantino. Da Brad Pitt (nel ruolo di Taran Killam) che ricorda il tenente Aldo Raine di Inglourious Basterds ma qui vuol essere una specie di San Pietro protettivo, al comando degli Apostoli/soldati di Cristo; Ving Rhames (Kenan Thompson) fa il verso al politico romano Ponzio Pilato con un tocco del Marcellus Wallace di Pulp Fiction; Samuel L. Jackson (Jay Pharoah) chiude il cerchio con il ‘suo’ Giuda Iscariota.Breibart.com non ha perso tempo bollando il trailer come “controverso” a poche ore dalla messa in onda; World News Daily fa sapere che il promo di Djesus Uncrossed risulta “ovviamente offensivo”; sull’edizione americana dell’Huffington Post sono arrivati commenti per lo più contrari al passaggio televisivo dello sketch tarantiniano, e c’è chi è convinto abbia la stessa portata delle vignette su Maometto pubblicate dal settimanale satirico francese Charlie Hebdo. La provocazione di Djesus Uncrossed sta già provocando un’ondata di indignazione dall’Europa agli Stati Uniti e non si attenuerà tanto facilmente.