Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
CI SERVE UNA BARCA PIÙ GROSSA
STORIES

Weekly Song #38 – Kiss



Documentato nell’arte, nella musica, nel cinema, nella fotografia e persino nelle sacre scritture il gesto d’amore (o di tradimento?) più famoso al mondo, trait d’union fra popoli e differenti culture, torna nuovamente d’attualità grazie ad un articolo pubblicato sulle pagine odierne de La Repubblica.

L’approfondimento, disponibile esclusivamente sull’edizione cartacea del quotidiano, si sofferma sulle reazioni chimiche innescate dal bacio e ne decanta le ormai note virtù terapeutiche. Altrettanto ovvie potrebbero sembrare le teorie che ci svelano i motivi per cui ci baciamo; secondo quanto afferma la ricerca della Oxford University, sulla quale si basa l’intero articolo, sono ben tre: per fare sesso, per amore, per trovare l’anima gemella (motivazione predominante per le femminucce).

Ebbene sì, in estrema sintesi sono questi i motivi che spingono gli esseri umani a scambiarsi i 60 milioni di batteri, virus e funghi contenuti nella saliva. Messo così potrebbe sembrare un gesto idiota, ma è nuovamente la scienza che ci viene in soccorso per raccontarci che il 95% degli agenti patogeni scambiati con il bacio, non sono pericolosi, anzi! Ci aiutano a migliorare le nostre difese immunitarie.

Di canzoni che lo celebrano e lo raccontano ce ne sono uno sproposito, e ahinoi, nella musica italiana ce ne sono parecchie che non sono per niente indimenticabili, lascio lavorare la vostra immaginazione per non sparare sulla croce rossa (come si suol dire).

Con questo articolo stavo semplicemente cercando un pretesto per piazzare una delle mie canzoni preferite e adesso finalmente l’ho trovato.
Nata dal genio compositivo di Prince, Kiss è un brano nato inizialmente per la band Mazarati che lo rielaborò secondo i propri gusti dandogli una connotazione decisamente più funk rispetto all’originale. Prince si accorse così delle enormi potenzialità della canzone e decise, nonostante il parere contrario della Warner Bros, di inserirla nel disco “Parade” durante i suoi ultimi giorni di lavorazione.

Si stava facendo la storia e Prince impartiva le sue prime lezioni al mondo intero:

“Act your age, mama (Not your shoe size)…”
“You don’t have to watch Dynasty To have an attitude…”
“You don’t have to be rich To be my girl, You don’t have to be cool To rule my world, Ain’t no particular sign I’m more compatible with, I just want your extra time and your…

Kiss!”