Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
È SOLO CHIACCHIERE E DISTINTIVO
STORIES

L’ignorante sono Me



Da oggi sarò L’ignorante.

Come se non lo fossi mai stato.

Sono ignorante di natura e non soltanto di studi.

Come se questo fosse importante.

L’ignoranza fa bene alla salute, mentale, fisica, spirituale.

La sana inconsapevolezza, il sapere di non sapere, come diceva Socrate (senza la S) è fondamentale nella vita e va in contrapposizione netta con l’arroganza e la presunzione di chi si sente imparato, arrivato, cresciuto.

Come quelli che… solo loro ascoltano la musica bella, leggono i libri più belli, quelli che.. “te non puoi capire”, quelli che hanno capito tutto dell’amore, dell’educazione… del vivere sani e belli (Bip….inserire imprecazione a piacere)

Beh, essere un ignorante sano invece e non un ignorante malato di presunzione, perché quelli sono i peggiori, è un lavoro duro, faticoso e spesso non retribuito.

Sempre a chiedersi, a cercare di capire… che fatica.

I meccanismi della vita sono strade contorte, di cui non ne possiamo conoscere sempre i movimenti e le direzioni, perché non ci sono orari precisi in cui la vita decide di attivarsi creandoti occasioni o trappole per renderti migliore o peggiore, perché anche lì, dipende, ancora una volta, dall’ignoranza e neanche tramite migliaia di libri scritti, letti e studiati si possono prevedere, prevenire e curare i mali della vita.

L’ignorante sono Me e me ne vanto a questo punto della vita, perché non ho studiato sui libri della scuola classica il modo di sopravvivere alle sventure inevitabili della vita e perché sto tutt’ora cercando di imparare come crescere e perché, nonostante la sacchettata di merda che mi sono ritrovato ad un certo punto della vita in tasca, mi domando ancora: perché? come si fa? dove cazzo devo andare?

Sono fortunato a chiedermi chi sono, cosa faccio e dove andrò.

Sono fortunato anche perché mi chiedo chi sei, cosa fai e dove vai.

Una finestra sulle mille sfaccettature dell’ignoranza, della presunzione e della sfacciataggine che inevitabilmente e inconsapevolmente alcune persone hanno e qualcuno, a queste persone, in qualche maniera, glielo dovrà far sapere o no che hanno la faccia come il culo?

Ringrazio Omar che, ormai qualche anno fa, mi spinse a scrivere su un Blog e lo ringrazio ancora oggi per darmi questo spazio sulla sua creatura.

W l’ignoranza.