Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
QUALSIASI COSA PER LA MAGLIA
ARTS

Chi sono i Vibranti?



Certo un tipo che quando si incazza diventa grosso e cambia colore non è proprio una gran trovata e infatti non voleva esserlo. Quello che volevamo era esattamente un Hulk fiorentino che fin dal nome, Gianluca Spezzagobbi, dichiarasse la sua fede e che, naturalmente, arrabbiandosi diventasse viola.

Però non pensavamo a una satira: il tipo è tosto davvero non è una macchietta e, nonostante abbia super poteri e bazzichi con altri tipi dai superpoteri, fa i conti con la crisi economica e con un supercriminale che dalla sua stanza dei bottoni contribuisce (sostanzialmente!) a mandare in paranoia il mondo.

Volevamo fare un fumetto super-eroistico ambientato a Firenze.
Un racconto fantastico che però prendesse le mosse dalla città autentica con i suoi luoghi, i suoi problemi, i suoi abitanti, la sua storia.
Una città che conosciamo e che qui immaginiamo crocevia di intrighi molto più che internazionali.

I Vibranti sono un gruppo di ragazzi come tanti: studiano, lavorano, vanno allo stadio, hanno i loro problemi.

Hanno dei super-poteri ma ancora non sono supereroi.

Dovranno però diventarlo alla svelta perché il nemico è sulle loro tracce.

Uno di loro non ce la farà: morirà infatti dopo poche tavole del primo episodio assassinato da un incubo che ritorna: la pistola del mostro di Firenze.

Gli altri: Gianluca, Jacopo, Valerio, Nicola, parteciperanno al suo funerale dove mostreranno di non essere delle prede facili. Insieme a loro sono Anita e Tania le due figlie dell’uomo che li ha riuniti ed ha ridestato i loro poteri. Si fa chiamare il Veterano ed in effetti è veterano di una guerra che ha origini antiche.

Ai suoi ragazzi lui chiede fiducia, ma fino a quando potrà evitare di raccontare loro come sono andate veramente le cose se vorrà conservare il loro rispetto?

I Vibranti ovviamente hanno dei poteri. Si è già detto c’è uno che mena, ma aspettatevi anche vibrazioni positive, allucinazioni collettive, magismo salentino, rituali africani e disciplina in stile Shaolin … oltre a un uomo che comunica con le sequoie di Vallombrosa e con l’erba dei prati vicino a Careggi. I Vibranti per ora non hanno costumi… li avranno ma più avanti… per ora non hanno nemmeno nomi in codice anche se ci piace anticiparveli: Razzo (si è un omaggio a un super-eroe italiano del passato!), Ultra Viola, Dottor Cespuglio, Capitan Igloo, Mr Easy, Onda e semplicemente Tania (Tania è fatta così: non le piacerà tutta questa cosa dei nomi, dei ruoli, dei costumi…)… e poi arriverà anche l’Uomo Nero…

In questi primi sei episodi impareremo a conoscere i protagonisti, a definire in parte il contesto nel quale si muovono, a intuire cosa c’è dietro: le competenze tecnologiche del Veterano; le sinistre macchinazioni del Dottor Paranoid, del suo Consiglio d’Amministrazione e della sua Banca Paracredit.

Vedremo all’opera un sicario spietato chiamato Segugio al quale un misterioso amuleto africano ha conferito una sorta di invulnerabilità.

Incontreremo l’ispettore Caldelli che da anni, inascoltato, ritiene che dietro i delitti del mostro ci sia molto di più di quello che si crede.

Alla fine molte saranno le domande che rimarranno in attesa di risposta.

Perché nostra intenzione è andare avanti con la storia.

Aiutateci a farlo leggendo e sostenendo queste prime uscite e anche inviandoci i vostri commenti.

Di sicuro le vostre opinioni e le vostre critiche ci aiuteranno a migliorare!