Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
PROUDLY MADE IN ITALY WITH LOVE
STORIES

Fabrizio Corona: grazia o condanna?



Ha sciolto le parole di Adriano Celentano, che in una lettera aperta ha scritto: “Caro Presidente Napolitano, mi scusi, se con tutti i grattacapi che immagino lei abbia, anch’io mi accodo con una richiesta di grazia per Fabrizio Corona“. E sul suo blog, aggiunge il Molleggiato: “Pensi che io non l’ho mai conosciuto, ma ho seguito le sue vicissitudini attraverso i giornali e la televisione. E ogni volta, quando lo vedevo e lo sentivo parlare, avvertivo come un qualcosa che spaccava in parti uguali due sentimenti fra di loro contrastanti: da un lato mi irritava la sua spavalderia nell’ostentare tanta sicurezza, dall’altro avvertivo un senso di profonda tenerezza come chi, bisognoso di affetto, improvvisamente si rendesse conto di quanto grande fosse il sacrificio che lo attendeva per aver rincorso una ribalta attraverso il gioco di una carta sbagliata: di uomo forte, rude, che deve piacere alle donne e che non piange mai, neanche quando il giudice lo condanna, perché fotografi e giornalisti sono lì pronti a immortalare la lacrima che invece lo salverebbe da una pena così eccessiva”.

Corona e la grazia

A pochi giorni da queste lettere, Fabrizio Corona, che sta scontando la sua pena nel carcere di massima sicurezza di Opera, squarcia la diga dell’ipocrisia e della giustizia, e si difende da sé. “Sto scontando la mia pena con dignità e con rispetto delle istituzioni, sono un detenuto modello”. Attacca con questo sfogo, Corona, raggiunto dalle telecamere di Quarto Grado in una pausa dal processo. E’ il suo appello e mira dritto verso l’obiettivo per raggiungere i nostri cuori: “Basta accanimento, lasciatemi scontare la mia pena e datemi la possibilità di andare a casa, perché tutta questa prigione non me la merito”.

IL VIDEO

 

“Mi hanno dato una pena che non esiste in un Paese in cui quelli che ci comandano hanno fatto molto, ma molto peggio rispetto a quello che ho fatto io”. I paparazzi lo accerchiano, gli occhi di Fabrizio si tingono di lacrime trasparenti.

Voi da che parte state?