Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
PROUDLY MADE IN ITALY WITH LOVE
MUSIC

Fabri Fibra – Squallor Gulag&Morte Review



Fabri Fibra esce con Squallor e noi di Gold inauguriamo una travolgente sezione dedicata alle Recensioni di Dischi sotto forma di dialoghi di Aristotele o comunque di Pedofili Greci. Godetevi lo scambio tra Mortecattiva e Gulag, tra ritornelli, “hahahahahaha”, canne, eroina e “come Vasco”.

fabri-fibra-squallor

Mortecattiva: mò scarico allora
mmm 200mega, pregusto già l’alta qualità della situa
DICHIARO UFFICIALMENTE APERTA LA PUNTATA NUMERO 1 DI: “RECENSIONI DI DISCHI
SOTTO FORMA DI DIALOGHI DI ARISTOTELE O COMUNQUE DI PEDOFILI GRECI”
 (quella dei Bushwaka era l’episodio pilota)
ogni cosa che diremo d’ora in avanti sarà trascritta fedelmente quindi misura le parole
ah grazie per il wetransfer del disco
bè innanzitutto vedo dalla tracklist che non c’è un feat di Moreno, dev’essere bello per lui sapere che il suo capo gli dà così fiducia
a meno che quel Youssoupha non sia lui sotto falso nome
ah no spè i nomi dei file sono troncati magari c’è, tipo vedo un “non me ne frega un cazzo – feat G” e uno “skit squallor – fe”
hahah magari lo ha messo nello skit

Gulag: ero al cellulare

Mortecattiva: bravo, prendi sottogamba le nostre rubriche, maiale. PARTIAMO CON LA TRACCIA 1
chissà se il ritornello fa “troie in porsche, troie in porsche, troie in porsche”

Gulag: la prima è bella

Mortecattiva: HAHAHAHAHAHA SI
INTENDO SI FA COSI IL RITORNELLO PORC*DIO

Gulag: ovvio che si, scusa lo fa apposta per aiutarti

Mortecattiva: però nella seconda strofa c’è qualche rima

Gulag: Fibra è l’unico rapper che ti instilla il ritornello in testa ancora prima di aver ascoltato il pezzo

Mortecattiva: vabbè io skippo
cioè ma pure quando il rit è un campionamento riesce a farlo ripetendo le stesse parole?
ah no non era il ritornello era l’intro
qui il ritornello c’è dai, sta canzone mi piace

Gulag: il rit mi fa venire in mente la parola “happy ending”

Mortecattiva: ah bom, ha detto che fuma le canne, se in un disco rap non viene data quest’informazione al più presto mi preoccupo
sai ben che dalle canne si passa all’eroina, se non mi dicono che fumano io penso al peggio

Gulag: quale stai ascoltando?

Mortecattiva: Amnesia

Gulag: ah ok, no io non l’ho retta sono a Lamborghini

Mortecattiva: spè skippo pure io

Gulag: ripete BASE
te lo dico, mi sa che non è il ritornello
però




 che pena wi fii

Mortecattiva: hahahhahahahhahha

Gulag: praticamente ora che lo hanno accusato di fare rap scadente su basi da disco allegrose ha deciso di cambiare radicalmente con una strumentale da disco non allegrosa

Mortecattiva: ma perché rifà l’intro a metà canzone?

Gulag: perché non è Kendrick Lamar
però è bella dai

Mortecattiva: BASE

Gulag: dice cose giuste

Mortecattiva: no, mi fa cagare
passiamo alla 4 ti prego
MUORI MUORI
così scopro chi è Youssoupha
alt il beat è figo spè
sono fiducioso

Gulag: Youssupha, sarà un negro seduto su una poltrona

Mortecattiva: c’era una volta un re seduto youssoupha

Gulag: Esatto
youssoundour su sofà
come cazzo si scrive? POR***IO

Mortecattiva: taci, sto pezzo è figo

Gulag: si è bello
ma in realtà ho spento itunes
mi rallenta photoshop

Mortecattiva: youssopuha è un francese
dopo Vincenzo che sta giù con gli zingari abbiamo Fibra che se la viaggia nella banlieu, ora fanno
93 hardcore parte 2
con lui in mezzo ai negri con gli uzi

Gulag: cazzo è dai tempi degli otr che un pezzo italiano non viene rovinato da un altro idioma
ok dai metto COME VASCO

Mortecattiva: dai questa mi piace, skippo però
idem

Gulag: si anche a me però non più di 30 secondi, per degustare il vino non si ingerisce ma si sputa

Mortecattiva: COME VASCO COME VASCO

Gulag: che palle con Vasco Rossi oh, ogni volta che ci si deve paragonare a un personaggio famoso che ne ha passate tante e brutte si parla di lui

Mortecattiva: dai lo dice solo due volte

Gulag: e Stephen Hawking?

Mortecattiva: ahahahahahahhaahha
Stephen Hawking farebbe ritornelli migliori credo

Gulag: perché c’è la tromba messicana che è bella senza le parole
si

Mortecattiva: no dai skippo

Gulag: no vabbè io ho skippato pure Alieno
per l’intro

Mortecattiva: pare lo stesso beat di quella prima ma con note diverse
però in realtà pare carina

Gulag: figa ma sono troppi pezzi, non finiremo mai

Mortecattiva: AHHAHAHAH IL RITORNELLO E’ UGUALE
prima trombette trombette COME VASCO ora trombette trombette ALIENO
ora quella col guercio raga
Por***io che intro imbarazzante

Gulag: questa spacca
lo dico a prescindere

Mortecattiva: E TU CI CONVIVI E TU CI CONVIVI E TU CI CONVIVI ma porcam*donna
ullallà, la frase che è da 5 battute invece che da 4, qui siamo al limite del visionario
così riesce a ripetere
E TU CI CONVIVI anche a cazzo nella strofa oltre che nel ritornello
spè cerco la parte del Guercio

Gulag: Spacca
io la sto ascoltando ora

Mortecattiva: eh si
ed è riuscito a non dire E TU CI CONVIVI
visto? non era difficile
ok, skippo

Gulag: questi cspiascono
capiscono
questi capiscono
questi capiscono

Mortecattiva: bè dai ripete la stessa cosa ma almeno non ripete il titolo del brano, è un piccolo passo in avanti

Gulag: io apprezzo questa cosa

Mortecattiva: no vabbè sta merda la skippo

Gulag: figa non siamo manco a metà

Mortecattiva: “artista come ligabue”

Gulag: prendiamoci una pausa di 12-24 ore

Mortecattiva: no, dobbiamo resistere
ok la skippo
sono alla 10 mò
su VENTUNO PORC*DIO

Gulag: io mi prendo una pausa, comunque per ora è un bel disco
davvero un bel disco
davvero un bel disco

Mortecattiva: Hasuhusahusahusahusahuhsahu
di*cane per un attimo ci avevo creduto
traccia 11: voglio andare a casa voglio andare a casa
a no dai nel ritornello vero e proprio aggiunge parole
però dai questa non è malISSIMO
si ma porc*dio non solo sono 21 tracce ma durano pure un sacco che due coglioni
aspetta, ha fatto una rima ZAINO / ZION
di*cane non abbandonarmi in questo momento difficile RITORNA
no vabbè pausa un cazzo senti a me sto disco ha rotto i coglioni, fine della recensione
CI VEDIAMO ALLA PROSSIMA PUNTATA

mortecattiva

La classifica dei dischi recensiti da Mortecattiva e Gulag