Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
HA UN TAGLIO DI CAPELLI SU CUI FARE AFFIDATAMENTO
STORIES

Il Grande Lebowski salva la vita di questo ragazzo



Secondo le più rosee aspettative, Will Russell doveva già essere morto. Venti anni fa era un senzatetto e in balia di se stesso. Sette anni dopo, ha attraversato un periodo di depressione che lo ha portato verso il baratro estremo. “Mi chiamavano Grado Zero” ha detto a VICE. “Ho vissuto con $551 al mese per 8 anni. Vivevo in un cubicolo, mi avevano dato la disabilità, ero grasso e piangevo ogni giorno.”

LA STORIA SU VICE – http://www.vice.com/read/the-big-lebowski-saved-will-russells-life-428

Poi nel 2002 un grande cambiamento è arrivato. Russell, che stava lavorando presso una convention di tatuaggi nel Kentucky, ha iniziato a citare a memoria le battute de Il Grande Lebowski per passare il tempo. In un lampo tutti sono impazziti per questa sua passione. E nel vedere ognuno così preso da Lebowski, Russell si è chiesto: E se creassimo un evento dove gli Achievers (i fan di Lebowski) si radunassero e celebrassero assieme l’evento? Ed ecco nascere il Lebowski Fest.

the-big-lebowski-saved-will-russells-life-428-body-image-1430253195

Foto di Will Russell

Con grande sorpresa, la kermesse è divenuta ben presto un mega-evento a tre zeri in fatto di presenze. Migliaia gli spettatori e i partecipanti. Spin magazine ha incluso la festa tra i “19 eventi da non perdere durante l’estate”, dopo Lollapalooza e Snoop Dogg.

Negli ultimi 13 anni, Russell è riuscito a riunire i fan del Grande Lebowski da 50 stati, con contagio estero: a Londra si tiene il Dude Abides. Ora viaggia per il mondo e ha scritto un libro (I’m a Lebowski, You’re a Lebowski), ispirato al documentario (The Achievers), incoraggiando le radici di una nuova religione (Dudeism). Addio ai tempi della depressione.