Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
NON REGGE PIÙ DI TRE VODKA LEMON
ARTS

Fun Home



di Alison Bechdel

Cover del libro

In realtà per spiegare cos’è Fun Home, o solo per consigliarvelo, basterebbe dirvi che si tratta di un romanzo incentrato su una serie di ricordi di una donna, del complesso rapporto di una padre con una figlia, Alison, e dunque più semplicemente, di un’autobiografia.

Ma sinceramente dopo averlo letto, non me la sento di rifilarvi la solita pappa da recensione. Il quanto sia “bello” il libro, o il quanto sia “brava” Alison Bechdel, sono considerazioni piuttosto inutili e ve ne accorgerete quando vi troverete di fronte a questo lavoro, capace di trattare determinati argomenti con delicatezza e spessore.

Come già annunciato, i ricordi sono i protagonisti insieme ad Alison e a tutta la propria famiglia, il “filo rosso” che accomuna la figlia al padre, figura enigmatica e tremendamente reale, percorre tutta la storia tracciando un sentiero narrativo da seguire.

Durante il racconto, la sessualità a poco a poco viene scoperta diventando una tappa importante per la protagonista.

L’autrice imbastisce uno straziante, divertente, malinconico viale dei ricordi che si districa tra episodi di vita familiare, memorie personali e continue citazioni, letterarie e non. La Bechdel è intelligente nel raccontare, e ancora di più nel capire ed inquadrare determinati momenti, attimi particolari che diventano infiniti quando vengono immortalati nella tavola; Alison Bechdel, autrice underground statunitense, è l’artefice di questo magnifico libro edito da Rizzoli per la collana 24/7, con tutta probabilità una delle proposte di spicco di questo 2007.

Fun Home è soprattutto la storia di una donna; per capire, e probabilmente per amare Fun Home, dovete semplicemente leggerlo, nulla più.