Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
WELCOME TO THE REAL WORLD
ARTS

Di notte la casa parla



Photo by Phillip Ritz

Di notte la casa parla. Scricchiola nel silenzio.
Io mi muovo e cerco una posizione che sia comoda più della precedente.
Il susseguirsi di tentativi porta solo ad aumentare la temperatura corporea e ad una sovrapproduzione di sudore. Il sonno non è mai stato così lontano.
Ammettere una qualche forma di paura sarebbe già un passo avanti, alla mia età, come recitava il caro Notizia (anagramma del suo nome), è piuttosto difficile arrendersi felicemente e con leggerezza ad un attacco di panico.

Per quale motivo? Mi domanderebbero gli interlocutori.
Boh, sarebbe la risposta. Troppo poco per convincere gli altri della pesantezza della cosa, troppo e basta per riuscire ad addormentarmi il giorno seguente.

Così la notte prosegue lunga e scura, minuti, a decine, collassano sopra il mio cervello stanco. Tutto diventa lento, lentissimo, quasi impossibile diviene il mattino.
Quindi che fare? Aspettare? Resistere ed avvalorare la tremenda affermazione del: “sopravvivo”?
Oppure…oppure accendere il lettore dvd, inserire un film e godersi un paio d’ore di amarcord.

Questo è stato il mio caso, magari triste, forse bizzarro, ma in ogni caso funzionale al raggiungimento dello scopo. In fondo qua non siamo su Raidue e il presente sito non si chiama Art Attack (purtroppo), qua non vi sentirete dire “prendete questo, fate questo…”: su Goldworld avrete consigli e dritte. Perché noi siamo i meglio di tutti e quelli che vi vogliono più bene.

Quindi, se vi parlo di Ghostbusters, è perché provo per tutti voi grande affetto e questo capolavoro assoluto non potrà che rendervi più fieri e orgogliosi delle vostre vite, della vostra/nostra generazione.

Siamo nei primi anni ‘80 e il giovane Dan Aykroyd scrive la sceneggiatura di un film piuttosto originale, un misto tra comicità e horror; pensa anche agli attori che avrebbero dovuto prender parte al lavoro: John Belushi, Eddie Murphy e John Candy, infatti, vengono contattati per ricoprire i tre principali ruoli.

Da questo punto in poi il film inizia l’iter produttivo e, con esso, i primi problemi, uno fra tutti la scomparsa prematura di John Belushi, a cui seguono la scritturazione di Eddie Murphy per Beverly Hills Cop e il ridimensionamento della sceneggiatura prevista inizialmente da Dan Aykroyd.
Fu dunque il regista Ivan Reitman a puntare tutto su Bill Murray e il risultato, uscito nelle sale nel 1984, lo conosciamo tutti.

In ogni caso, per trama e curiosità ci sono migliaia di siti, uno fra tutti, il buon vecchio Wikipedia.
È, quindi, inutile che vi parli del film e del suo svolgimento; quello che mi preme ricordarvi è che di pietre miliari come questa ce ne sono poche nel mondo del cinema, si tratta forse di un vero e proprio manifesto e che, rivederlo, non potrà che aggiunger lustro ad una pellicola che già brilla di luce propria…