Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
LA TELEVISIONE È MATRIX
GOLD

Verità nascoste



Milano 12 dicembre 1969. Una bomba esplode nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura in piazza Fontana. Una strage. Si seguono piste, le più disparate. L’estrema destra, le BR, i servizi segreti, i partiti. Non si sa niente. Poi il suicidio sospetto di chi poteva sapere e allora vendette, ancora, nell’oscurità, ancora oggi.

27 giugno 1980. Nei cieli nel bel mezzo del mar tirreno l’aeromobile di linea Douglas DC-9 finisce nel nulla. Sono le prime ore del mattino e si individua una chiazza d’olio al largo di Ustica. Un’altra strage. Una collisione, un missile, una bomba. Perché? Anche qui: niente. Nient’altro che depistaggi e decessi sospetti. Fino ad oggi. Niente.

Emilia Romagna. Questa volta la strage si consuma nel tempo. Siamo a cavallo tra gli anni ottanta e novanta. C’è una macchina e ci sono poliziotti che allo stesso tempo sono anche un’organizzazione criminale. Sono degli assassini. Compiono rapine e delitti, tanti, e lo fanno indisturbati e con disprezzo. Senza movente. Si tratta della banda della Uno bianca.

Le storie sono storie di morti che di forza sono stati trascinati nell’oblio dell’ignoranza nella cui indifferenza nasce l’impulso frustrato verso la verità.

Da un idea di Cesareo.
Grafiche di Bianca Borri