Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
E POI VOGLIO UNA GRAN FETTA DI CROSTATA
MUSIC

Weekly Song #15 Rap Lamento



Una mia amica stamani ha postato questa frase su facebook: “Votare, non solo per diritto-dovere di voto, ma anche (e soprattutto) per diritto alla bestemmia, alla lamentela e all’espatrio una volta usciti i risultati” (Chiara Baldi).

Ma anche per “scegliere attentamente il nostro prossimo problema” come dice Frankie Hi-Nrg in Rap Lamento, nuovamente protagonista di Weekly Song dopo la chiacchieratissima WS#5.

Fra poco, invece di starmene sul divano a “fare le bolle” e continuare a godermi lo svaccamento domenicale, andrò a votare. Mi fa TANTA fatica, tantissima… ma ci andrò.

E non ci andrò dopo aver riascoltato per l’ennesima volta la storia del diritto acquisito grazie a chi ha combattutto per la democrazia.
Ci andrò perché credo nel diritto di cittadinanza per gli extracomunitari e per i loro figli, ci andrò perché non voglio che il populismo trionfi, ci andrò perché voglio che l’Italia sia un paese con un governo ELETTO dai cittadini.

Ci andrò perché, forse ingenuamente, continuo a pensare che almeno una parte dello Stato sia meglio della Mafia, ci andrò anche perché il mio voto a sinistra è un chiaro messaggio agli squadristi di Casa Pound: sapete che c’è? “recentemente il nero va per la maggiore” e a me questa cosa non piace molto.

Ci andrò perché credo che la categoria dei giornalisti precari, sia meglio di come l’ha recentemente descritta Beppe Grillo. Un redattore precario non scrivere articoli sbagliati per poi pubblicare la rettifica ed essere pagato di più. È una cazzata. E chi era lì quel giorno doveva contestarlo, non osannarlo nuovamente. Sveglia!

Ci andrò perché in Italia non esiste ancora una legge contro l’omofobia e la tortura. Nel 1786 nel Granducato di Toscana veniva abolita la pena di morte, eravamo “avanti” rispetto a tutto il mondo, adesso siamo il fanalino di coda europeo della civiltà.

Poi tornerò alla mia vita di persona che si disinteressa alla politica 363 giorni all’anno, pienamente consapevole di essere “colonna di un sistema”.

Con una sola differenza. Avrò diritto all’espatrio.