Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
LA RISPOSTA ALLA DOMANDA È 42
MUSIC

La rapper Silvana Imam femminista, lesbica, antirazzista



Ha cantato un verso preso da Tystas Ner, brano che le suona al partito conservatore degli Sweden Democrats (SD), attraverso allusioni ai “nazisti in parlamento”. Ed è diventata un simbolo. Vice Italia ci racconta chi è la rapper Silvana Imam, femminista, lesbica, antirazzista, nata in Svezia da madre Lituana e padre Siriano.

http://noisey.vice.com/it/blog/silvana-imam-intervista

In Imam Cobain, canta: “Per te il mio amore è fuorilegge/per me hai un cazzo minuscolo/vai a baciare la tua cazzo di svastica.” Nell’ultimo EP, cita la teoria dei generi di Judith Butler (“Il genere è un’imitazione di qualcosa che non esiste”) e non risparmia critiche alla discriminazione nel mercato del lavoro (“Quindici milioni di persone al mondo si chiamano Mohammed, ma che nome devono inventarsi per il CV?”). Di qui a poco ecco pronta la rivoluzione femminista (“Il patriarcato deve essere rovesciato”). E ancora: “Siamo le power pussies”. Infatti i colleghi uomini non fanno una bella fine: “Prendi la torta e tiragliela in faccia, Anna-Mae” citando Drunk in Love di Beyoncé e Jay-Z, il verso originale vede Anna-Mae (Tina Turner) costretta dal marito a mangiarsi la torta.

silvana imam

“Sono una rapper impegnata,” dice a Vice “scrivo canzoni sulla mia vita, e dato che il punto di vista è quello di una lesbica-immigrata, sono subito etichettata come ‘politicizzata’. Voglio far capire alla gente attraverso la mia arte quanta merda ci sia nel mondo. Si tratta della mia vita e di come sopravvivo in questa società patriarcale e antidemocratica. Può una donna che scrive canzoni d’amore a un’altra donna generare il caos tra l’opinione pubblica? Questo è quello che dovreste chiedervi, non se faccio politica o meno.”

Un brano dell’intervista:

Cosa ne pensi dell’hip hop svedese? 
La scena hip-hop in Svezia varia dal realismo duro e crudo, a roba talmente anonima da mettere imbarazzo, sia a livello di musica che di emozioni. Per fortuna sono nella crew di Respect My Hustle [management ed etichetta discografica], cioè dalla parte cruda e alternativa del rap svedese.