Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
FINO A QUI TUTTO BENE, FINO A QUI TUTTO BENE
ARTS

Sogni e delitti



locandina

Sogni e delitti

Di Woody Allen USA/GB 2007

Durata 108′

Protagonisti di questo nuovo film di Woody Allen sono due fratelli (Ewan McGregor e Colin Farrell che, per una volta, riesce a non fare il solito ruolo da “mascellone”) dalle alterne fortune: entrambi provenienti dal proletariato hanno la medesima necessità – una grossa somma di denaro da trovare in fretta – ma due caratteri completamente diversi, quasi antitetici.
McGregor, sognatore ad occhi aperti, cerca in tutti i modi di fare il grande salto, per abbandonare il proletariato e diventare un borghese a tutti gli effetti: pensa in grande ma sbaglia spesso negli affari, perde la testa, non contraccambiato, per una attrice- l’inafferrabile Hayley Atwell – che cerca di impressionare in tutti i modi paventando conoscenze in California che potrebbero lanciarne la carriera. Farrell invece è rimasto coi piedi per terra, ha una relazione stabile con una donna e purtroppo anche con l’alcol e il gioco d’azzardo. Il classico “zio d’America” si presenterà nel momento del bisogno pronto ad aiutare economicamente i due nipoti in difficoltà, chiedendo loro in cambio di “eliminare” un rivale in affari. La pesantissima richiesta dello zio porterà la storia fino al tragico finale dove protagonista unico sarà il senso di colpa, vissuto in due modi completamente differenti, ma complementari, dai due sciagurati fratelli.
Un film quindi lontanissimo dalle atmosfere jazz dei salotti ebrei di Manhattan che hanno fatto la fortuna di Allen: sia come tematiche (siamo vicini al recente “Match Point”), sia geograficamente (la storia è infatti ambientata a Londra) che musicalmente (la colonna sonora è stata affidata a Philip Glass). Ben girato e recitato ma che non spinge mai il piede sull’acceleratore fino in fondo. Facciamo un sei politico?